L’impatto degli uffici open-space sui dipendenti.

Secondo recenti studi la mancanza di spazi privati all’interno degli ambienti lavorativi influenza in maniera negativa la creatività e la produttività dei lavoratori.

In particolare le ricerche Gensler’s 2016 UK Workplace Survey e What Workers Want, fatte in Gran Bretagna, su campioni di lavoratori provenienti da diverse aziende.

Nel primo caso si è rilevato che i lavoratori con accesso a differenti stili lavorativi hanno più possibilità di essere innovativi. Per il What Workers Want più di un quarto dei dipendenti che ha risposto al sondaggio ritiene che l’attuale configurazione delle loro postazioni lavorative li renda meno produttivi.

I risultati di questi sondaggi arrivano proprio in un momento in cui designer e architetti cercano di aumentare l’impatto di prodotti fonoassorbenti e molte aziende produttrici di arredi hanno introdotto una nuova categoria di arredi per creare nicchie all’interno di ambienti aperti.

Cocker phone booth

Un esempio è la collezione Snowsound di Caimi.

“La produttività sul posto di lavoro è vitale per sostenere un business efficiente, ma è evidente che molti dipendenti si sentono ostacolati dall’ambiente che li circonda”. Ha dichiarato Steve Lang, direttore di Savills Research e autore del secondo rapporto.

“Non ci sarà mai un ufficio perfetto. Ma le aziende devono fare tutto il possibile per consentire ai dipendenti di variare i livelli di rumore per soddisfare le loro esigenze a seconda del lavoro svolto in tutto l’arco della giornata” .

La mancanza di spazi privati è un tema costante nelle indagini sui moderni ambienti lavorativi. I numeri parlano chiaro: più della metà dei dipendenti preferirebbe un ufficio privato.

La ricerca Gensler’s 2013 US Workplace Survey ha rilevato che la produttività negli uffici è calata del 6% in 5 anni, in contemporanea con la diffusione degli uffici a open-space.

Nuove tecnologie stanno guidando un ripensamento degli interni aziendali e dei mobili da ufficio.

L’innovazione del design per ufficio punta a rispondere alle esigenze delle aziende, le quali vogliono arredi flessibili per creare uffici collaborativi. Ma guarda anche al benessere e alla salute dei lavoratori tramite soluzioni per il comfort acustico, postazioni e poltrone sempre più ergonomiche, scrivanie regolabili in altezza.

In molti suggeriscono qualche “trucco” per poter sopravvivere in un ufficio open space. Ad esempio utilizzare le sale riunioni chiuse per le chiamate personali o per i progetti più delicati che richiedono concentrazione. Comportarsi con cortesia con i colleghi e non invadere il territorio altrui. Comunicare apertamente inoltre l’eventuale disagio. Usare l’auricolare o le cuffie e infine, soprattutto, non lamentarsi con il capo!