Acustica e Fonoassorbenza.

I disturbi legati all’ esposizione a fonti di rumore vanno dal semplice fastidio ed alla difficoltà di comunicazione a disturbi del sonno e della memoria, effetti sul comportamento e sulla produttività fino ad effetti psicopatologici e sulla salute mentale.

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) la “salute” è uno stato di completo benessere psico-fisico e sociale e non semplicemente l’assenza di malattie. Un ambiente acustico sfavorevole penalizza una buona qualità della vita.

In ambienti rumorosi si subiscono i seguenti effetti negativi:

Effetto Lombard

Fenomeno psico acustico : una persona tende ad alzare o abbassare il volume della propria voce in relazione al livello di rumore di fondo che lo circonda. Più il rumore di fondo è alto, più una persona tende a sforzare la propria voce. La voce urlata risulta più difficile da comprendere a causa di importanti modifiche nella fonazione e nell’ intonazione.

Annoyance (fastidio)

Disturbo psichico correlato all’esposizione al rumore. Sentimento di scontentezza, insoddisfazione, dispiacere, irritazione e stress generalmente intesi… modificazioni in senso peggiorativo delle capacità cognitive e disturbi della comunicazione… riferiti al rumore che l’individuo sa o crede possa agire su di lui in modo negativo

Riverbero

“riverberazione”: fenomeno studiato in acustica architettonica, dovuto a riflessioni del suono sulle superfici di un ambiente “tempo di riverberazione” : durata della “coda sonora” che i suoni lasciano nell’ambiente come effetto della riverberazione e a causa della velocità del suono, che non è elevata come la velocità della luce, e quindi non produce una cessazione immediata al suo interrompersi tempo di riverberazione troppo lungo, o comunque inadeguato rende l’ambiente riverberante o rimbombante e i suoni tendono a fondersi riducendo la comprensibilità del parlato o “legando” eccessivamente la musica.

Ottenere una correzione acustica efficace in tempi rapidi è possibile utilizzando pannelli fonoassorbenti del sistema Snowsound, questi permettono una riduzione importante e certificata del fastidioso riverbero acustico:

– Certificati Greenguard ovvero prodotti a bassa emissione che contribuiscono alla qualità dell’ambiente, rendendoli utilizzabili nelle scuole nelle mense nei ristoranti e nelle strutture di cura.

– Marcati CE per la destinazione d’uso come controsoffitto

– Resistenti al fuoco in Classe 1

– Classe di Assorbimento Acustico A

– Fonoassorbente al 100%  (tutta la superficie del pannello è fonoassorbente)

– Riciclabili al 100%

– Senza emissione di formaldeide.

– Igienici e facili da pulire.

– Inalterabili anche a condizioni estreme di caldo, freddo e umidità.

La gamma di prodotti fonoassorbenti del sistema Snowsound permette di risolvere le problematiche acustiche, dalle più semplici alle più complesse, con una moltitudine di forme e colori pensati sia per essere visibili e parte caratterizzante del progetto, che per integrarsi con discrezione negli ambienti.

Sono possibili prove sul posto, con i nostri tecnici, per testarne l’efficacia.

Fonoassorbenza + Arte = Snowsound Art.

Possono arte e design dialogare? Caimi Brevetti risponde al quesito con Snowsound Art, un progetto ambizioso che, grazie all’autorevole contributo del prof. Gillo Dorfles, riesce a interpretare l’arte superandone il limite della non ripetibilità. L’opera artistica si trasforma così in oggetto seriale e riproducibile con una spiccata funzionalità.

I pannelli fonoassorbenti Snowsound-Art, realizzati su disegni di Gillo Dorfles, sono un esempio di come il dialogo tra arte e industria possa rappresentare anche la base per un prodotto di serie. Un’arte concepita per la contemplazione, ma anche per la sua fruizione.

E’ sorprendente sapere che questo progetto è stato curato in tutte le sue fasi dal Maestro ultracentenario, dall’ ideazione alla realizzazione.

La collaborazione tra Gillo Dorfles e Caimi Brevetti ha generato quattro grandi “tele” che riproducono opere realizzate da Dorfles tra il 1937 e il 2017 intitolati “Per un gigantismo del disegno”.

Le opere hanno come base i pannelli fonoassorbenti Snowsound, la cui tecnologia garantisce alte performace acustiche. Appesi a parete o a soffitto, portano la bellezza dell’arte e il comfort acustico.

Con questo lavoro di Gillo Dorfles abbiamo un esempio concreto di come lo sguardo sia in grado di andare oltre la superficie delle cose, facendo cogliere a noi osservatori che il processo creativo è infinito, come è infinita la possibilità di cogliere nei particolari gli universali, come ci hanno insegnato i grandi filosofi medievali, a condizione di rimettere al centro il “progetto”, ovvero la persona.“Per un gigantismo del disegno“ significa tutto questo; l’eclettismo di Gillo Dorfles è sempre una sorpresa, in questo caso l’utilità dei pannelli si trasforma in una serie di paesaggi fantastici, nei quali i suoi occhi ci guardano, forse anche loro un po’ sorpresi per i risultati raggiunti”spiega Aldo Colonetti.

tratto da wow ways of working magazine by Renata Sias.

Sistemi per la Privacy.

L’ufficio ha abbattuto i suoi muri; ora i principali nemici nel workplace sono il rumore e la mancanza di privacy. A Orgatec 2016 sono state presentate diverse soluzioni per sopravvivere in open space; aree riservate con diversi sistemi per la privacy e di chiusura in base alle proprie esigenze e alle attività da svolgere.

Si possono scegliere pannelli free standing con alte prestazioni acustiche, utilizzabili anche come vivaci lavagne per affiggere notes o articolati sistemi di “gusci” fonoassorbenti che integrano poltrone e postazioni di lavoro. Oppure pareti mobili vere e proprie; le più evolute e tecnologiche sono concepite in kit e facili da montare grazie a innovativi sistemi di fissaggio.

Mascagni, TrèS Sound, Ergon Design.

Innovativo sistema costituito da pannelli lineari o curvi in legno termoformato e microforato che riveste il materiale fonoassorbente, pressato e nascosto al suo interno, lasciando in vista una superficie “calda” ed elegante. I pannelli possono essere anche appesi orizzontalmente e verticalmente.

Uffici Open-Space…non c’è Privacy e Comfort Acustico!

L’impatto degli uffici open-space sui dipendenti.

Secondo recenti studi la mancanza di spazi privati all’interno degli ambienti lavorativi influenza in maniera negativa la creatività e la produttività dei lavoratori.

In particolare le ricerche Gensler’s 2016 UK Workplace Survey e What Workers Want, fatte in Gran Bretagna, su campioni di lavoratori provenienti da diverse aziende.

Nel primo caso si è rilevato che i lavoratori con accesso a differenti stili lavorativi hanno più possibilità di essere innovativi. Per il What Workers Want più di un quarto dei dipendenti che ha risposto al sondaggio ritiene che l’attuale configurazione delle loro postazioni lavorative li renda meno produttivi.

I risultati di questi sondaggi arrivano proprio in un momento in cui designer e architetti cercano di aumentare l’impatto di prodotti fonoassorbenti e molte aziende produttrici di arredi hanno introdotto una nuova categoria di arredi per creare nicchie all’interno di ambienti aperti.

Cocker phone booth

Un esempio è la collezione Snowsound di Caimi.

“La produttività sul posto di lavoro è vitale per sostenere un business efficiente, ma è evidente che molti dipendenti si sentono ostacolati dall’ambiente che li circonda”. Ha dichiarato Steve Lang, direttore di Savills Research e autore del secondo rapporto.

“Non ci sarà mai un ufficio perfetto. Ma le aziende devono fare tutto il possibile per consentire ai dipendenti di variare i livelli di rumore per soddisfare le loro esigenze a seconda del lavoro svolto in tutto l’arco della giornata” .

La mancanza di spazi privati è un tema costante nelle indagini sui moderni ambienti lavorativi. I numeri parlano chiaro: più della metà dei dipendenti preferirebbe un ufficio privato.

La ricerca Gensler’s 2013 US Workplace Survey ha rilevato che la produttività negli uffici è calata del 6% in 5 anni, in contemporanea con la diffusione degli uffici a open-space.

Nuove tecnologie stanno guidando un ripensamento degli interni aziendali e dei mobili da ufficio.

L’innovazione del design per ufficio punta a rispondere alle esigenze delle aziende, le quali vogliono arredi flessibili per creare uffici collaborativi. Ma guarda anche al benessere e alla salute dei lavoratori tramite soluzioni per il comfort acustico, postazioni e poltrone sempre più ergonomiche, scrivanie regolabili in altezza.

In molti suggeriscono qualche “trucco” per poter sopravvivere in un ufficio open space. Ad esempio utilizzare le sale riunioni chiuse per le chiamate personali o per i progetti più delicati che richiedono concentrazione. Comportarsi con cortesia con i colleghi e non invadere il territorio altrui. Comunicare apertamente inoltre l’eventuale disagio. Usare l’auricolare o le cuffie e infine, soprattutto, non lamentarsi con il capo!

Acustica Avanzata e Design.

Si é svolto ieri 8 Settembre 2016 l’ esclusivo convegno sull’ Acustica Avanzata e Design, presso la prestigiosa Sala del Cenacolo del Museo Nazionale Della Scienza e Della Tecnologia Leonardo Da Vinci a Milano.

L’evento è stato organizzato da Caimi Brevetti spa  – Snowsound, con la partecipazione di:

Paolo Bonfiglio Docente Dipartimento Ingegneria Università di Ferrara settore Acustica

Aldo Meda e Francesco Meda Designers , hanno disegnato il pannello fonoassorbente Flap vincitore del Compasso D’oro

Aldo Colonnetti Filosofo, storico e teorico dell’arte, del design e dell’architettura, direttore e direttore scientifico dello IED Istituto Europeo di Design

Rossana Scandroglio Responsabile di UL International Italia srl ente certificatore per rilascio del  Greengard Gold

E’ stato un momento di approfondimento particolarmente importante sul tema dell’acustica. La partecipazione all’evento infatti ci ha permesso di approfondire le nostre conoscenze, portando a casa utili nozioni ed importanti aggiornamenti sull’argomento.

Conoscenza e professionalità sono a disposizione dei nostri clienti più sensibili ed interessati ad approfondire il problema dell’acustica in un ambiente chiuso.

Proponiamo soluzioni per qualsiasi ambiente, dal domestico al lavorativo, migliorandone considerevolmente il comfort acustico .

Offriamo inoltre, ai clienti interessati,  prove gratuite con pannelli fonoassorbenti all’interno dei propri locali.

Contattateci per maggiori informazioni.

 

Fonoassorbenza il “Silenzio Cosmico” Snowsound

Sperimentare il “silenzio cosmico” con Snowsound Caimi.

Il Museo della Scienza e della Tecnologia di Milano ha lanciato una nuova sfida Caimi Brevetti.  Per la realizzazione della Silent Room all’ interno della mostra permanente “Extreme. Alla ricerca delle particelle”, sono stati utilizzati pannelli fonoassorbenti Snowsound. Un ulteriore successo per questa pluripremiata tecnologia (20 premi in 3 anni, tra cui il Compasso d’Oro) già presente nello stesso museo con la mostra “Il Design come non lo avete mai sentito” nel Padiglione Italia della XXI Triennale.

L’esposizione permanente “Extreme. Alla ricerca delle particelle”, realizzata dal Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia Leonardo da Vinci di Milano in partnership con CERN e INFN – Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, è la prima in Italia su questo tema. Essa infatti è dedicata alla ricerca delle particelle elementari e illustra il lavoro e gli strumenti di chi esplora l’universo dell’infinitamente piccolo.

Caimi Brevetti, da sempre alla ricerca e all’innovazione, ha aderito con entusiasmo a questo progetto. Nel ruolo di sponsor tecnico ha fornito i pannelli Flap (design Alberto e Francesco Meda) vincitori del XXIV Compasso d’Oro.  I pannelli Flap hanno creato un ambiente totalmente schermato dal punto di vista acustico. Gli stessi sono già stati utilizzati nelle ricerche e negli esperimenti connessi alla fisica delle particelle, una Silent Room che simula il “Silenzio Cosmico”.

La Tecnologia Snowsound® si applica ad un’ampia gamma di tipologie di pannelli fonoassorbenti firmati da importanti designer.

Rappresenta una vera innovazione nel settore della progettazione acustica. Essa infatti permette di ottenere con la massima semplicità un assorbimento selettivo del suono alle diverse frequenze, quindi di ottimizzare l’acustica ambientale. Il tutto tramite l’utilizzo pannelli monomaterici con un alto contenuto di design, riciclabili al 100% e con Classe 1 Italia di reazione al fuoco ed Euroclass B-s2, d0 e certificati Greenguard Gold.

Seminario “Sentire meglio per Sentirsi Meglio”.

E’ stato molto  interessante il seminario che la Riganelli ha organizzato in collaborazione con la Caimi Brevetti spa Divisione Snowsound. In particolare è stato affrontato il tema della fonoassorbenza.

 

“Il suono fa parte della nostra vita quotidiana: ascoltare bene le parole degli altri e dialogare nel rispetto di chi parla e di chi ascolta rappresenta la nuova frontiera del design.”

I materiali e le tecnologie Snowsound, rappresentano la condizione fondamentale per la progettazione acustica di un ambiente chiuso. Una lunga ricerca scientifica interpretata attraverso la collaborazione di alcuni tra i migliori designer italiani e stranieri.

Ringraziamo inoltre l’ordine degli architetti della provincia di Macerata e tutti i partecipanti al seminario per aver contribuito, con la loro presenza e gli stimolanti interventi sugli argomenti trattati, alla buona riuscita dell’evento.

 

E’ stata per di più pura coincidenza ma motivo di grande orgoglio,  l’aver organizzato il corso dopo una settimana dal ricevimento del prestigioso premio Compasso D’oro. Sono stati premiati  infatti i pannelli fonoassorbenti Flap del sistema Snowsound, disegnati da Alberto e Francesco Meda.

In particolare la motivazione del premio Compasso D’Oro ADI 2016  è stata la seguente:

 “Per un sistema versatile e libero che indica una nuova soluzione per un problema invisibile come i suoni e i rumori”.

Di seguito riportiamo anche il programma, per ricordare così come si è svolto lo stimolante seminario!

PROGRAMMA

ore 14.00 registrazione partecipanti
ore 14.30 inizio lavori

1. CAIMI BREVETTI… l’innovazione senza fine
_breve presentazione aziendale, le innovazioni
_la logica della ricerca continua, l’approccio scientifico dell’azienda
e l’attenzione al design
 
2. L’APPROCCIO SCIENTIFICO ALL’ACUSTICA
Il libro: IL SUONO tra materia e spazio architettonico
a cura di Paolo Bonofiglio, Andrea Farnetani, Nicola Prodi
con testi di Aldo Colonetti
e un’intervista a Gillo Dorfles
L’ACUSTICA IN SINTESI: definizioni chiave e introduzione all’acustica in ambienti
confinati.
_Il suono, dB – decibel, Hz-herz
_fonoassorbenza, isolamento, riverberazione, tempo di riverberazione
_test e metodi di prova, certificazioni e norme: camera anecoica, semianecoica
e riverberazione
_classi di assorbimento acustico, coefficiente di assorbimento acustico,
area di assorbimento equivalente
 
3. L’INVENZIONE: SNOWSOUND®
_la nascita di un nuovo materiale e di una nuova tecnologia fonoassorbente
_comfort acustico e assorbimento selettivo delle frequenze
_caratteristiche tecnologiche e morfologiche di SNOWSOUND®
_CERTIFICAZIONI, PREMI E RICONOSCIMENTI
 
4. L’APPROCCIO CREATIVO – i designer danno “forma” alla tecnologia
_Michele De Lucchi
_Atelier Mendini
_Alberto e Francesco Meda
_Marc Sadler
_Lorenzo Damiani
_Lorenzo Palmeri
_Philippe Nigro
_Sezgin Aksu
 
5. L’APPROCCIO ARCHITETTONICO – la tecnologia diventa “PROGETTO” di comfort
acustico negli spazi del vivere quotidiano
_l’acustica si integra con l’architettura, l’ambiente e l’arredo
_esempi di ambienti con problematiche acustiche concretamente risolti
sia in fase di progetto architettonico che in edifici esistenti: presentazione
di case history significative
 
6. CORREZIONE ACUSTICA IN POCHE “MOSSE”
_semplicità di calcolo ed installazione per il conseguimento del comfort acustico
ore 18.30 Dibattito finale e conclusioni
 
Per la frequenza del seminario saranno riconosciuti 4 cfp agli architetti iscritti all’albo.
Per l’iscrizione all’evento gratuito usare la piattaforma iM@teria.
Numero massimo di partecipanti: 100.
 
Info
Riganelli
Via del Lavoro, 108
62014 Corridonia (MC)
www.riganelli.it
info@riganelli.it
T 0733 281209

Il Design del Suono: Caimi Brevetti alla #21Triennale

Il design come non lo avete mai sentito” è il titolo dell’affascinante mostra dedicata al Suono e Snowsound, la pluripremiata tecnologia di Caimi Brevetti, nell’ambito della XXI Triennale. Una mostra sinestetica, curata da Aldo Colonnetti e Franco Origoni, che parla del suono, dell’acustica e della qualità dell’ascolto nella suggestiva scenografia delle Cavallerizze delMuseo della Scienza e Tecnologia di Milano. Con un linguaggio poetico fonde ricerca tecnologica e artigianato di altissimo livello, due pilastri fondamentali del Made in Italy e due elementi chiave del “Design after Design”.

Un allestimento che lascia a bocca aperta nella suggestiva scenografia delle Cavallerizze appena restaurate. L’’innovativa tecnologia fonoassorbente di Snowsound e Snowsound Fiber di Caimi Brevetti è messa in evidenza nei suoi aspetti tecnici in un tunnel che fa vivere l’esperienza del suono. E’ inoltre rappresentata nei suoi aspetti formali con i prodotti che portano la firma di alcuni tra i maggiori designer. Nei suoi aspetti poetici trionfa nell’opera di Moreno Ferrari, sarto di alta moda,
 che sa trasformare un tessuto tecnico dalle alte performance in abiti-scultura usando un nuovo linguaggio che supera i confini tra corpo e architettura. Non abiti, ma vere e proprie architetture “autoportanti” e indossabili; ogni cucitura ha funzione strutturale per sorreggere i 15 kg di tessuto di cui è composto l’abito. Affascinanti opere d’arte che allo stesso tempo hanno anche una concreta funzione di fonoassorbenza. Spiega Franco Caimi Abbiamo voluto interpretare il tema proposto dalla XXI Triennale -Design after Design- abbinando materiali innovativi e sostenibili che risolvono un problema concreto delle persone e contribuiscono a migliorare il benessere con la ricerca formale affidata a grandi industrial designer, ma anche alla magistrale manualità artigianale. Questa per Caimi è la visione di Design del XXI secolo”.XXI Triennale 

Per visitare la mostra:

Titolo mostra “Snowsound by Caimi. Il design come non l’avete mai sentito” Mostra a cura di: Aldo Colonetti e Franco Origoni
Progetto dell’allestimento: Origoni Steiner Architetti associati, Franco Origoni, Matteo Origoni, Anna Steiner con Eleonora Bruno
In collaborazione con: Paolo Bonfiglio, Andrea Farnetani, Caimi Lab
Realizzazione dell’allestimento: Benfenati Allestimenti.
Dove: Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia Leonardo da Vinci Milano, Via Olona 6.
Quando: dal 2 aprile al 12 settembre 2016
fonte:wow-webmagazine

 

 

Sedute protettive…domina il lounge nel New ways of working.

Sedute protettive e architettoniche questo è il nuovo look nell’ufficio moderno.

Negli anni ’70 il “cuore” di Orgatec erano le sedie ergonomiche, vere e proprie macchine per sedersi. Oggi il design è decisamente più soft, giocoso e meno tecnologico (la tecnologie c’è ma è nascosta!) e la tipologia che domina è quella polifunzionale per lounge.

Non sono divani, nemmeno box, né schermi fonoassorbenti: sono tutte queste cose e altre insieme, evolvono in piccole architetture interne indispensabili per new ways of working. Le funzioni della seduta lounge si ampliano. Le poltrone abbracciano e avvolgono come un bozzolo per una percezione di comfort totale. Diventano workstation informali, per meeting o per la concentrazione.
Le sedute operative si semplificano nella forma e nei dispositivi di 
regolazione.

E se gli ambienti sono collettivi alla seduta lounge (il termine sedia da attesa è fuori moda…) spetta anche il compito di contribuire al comfort acustico e di delimitare aree di privacy grazie all’utilizzo di alti schienali imbottiti o configurazioni articolate e de-strutturate che trasformano le poltrone in vere e proprie micro-architetture capaci di definire e vivacizzare il paesaggio del workplace.

Se la tendenza é generale, forse si è concluso il corso del suo processo di diffusione e si é semplicemente affermata una nuova realtà.

Pannelli Fonoassorbenti al Ristorante di Identità Expò.

pannelli fonoassorbenti Flap di Alberto e Francesco Meda e Pli di Marc Sadler sono stati scelti per il progetto di interior del ristorante di Identità Expo. Due prodotti di grande valenza estetica ma soprattutto alte performance tecnologiche.

Identità Expo

Identità Expo è anche un grande evento all’interno dell’Esposizione Universale Expo 2015, che prevede, ogni giorno, lezioni, appuntamenti, conferenze e show-cooking. Ospiterà 200 grandi chef, oltre 450 eventi dedicati alla cultura del cibo per 184 giorni all’insegna del gusto, dell’innovazione e del design.

Un temporary restaurant di assoluta eccellenza non solo in termini di food ma anche di progetto. Un ambiente capace di trasformarsi anche in business lounge, spazio eventi e location dove incontrare e conoscere i più celebri interpreti della ristorazione di qualità.

Realizzato con la collaborazione di grandi aziende dell’arredo tra cui Caimi Brevetti.

Caimi Brevetti è una storica azienda italiana con una grande predisposizione alla ricerca e all’innovazione. E’ orientata al design e supportata dalla vasta esperienza tecnologica maturata in oltre sessantacinque anni di storia.

 

In quest’ottica si affiancano alla tradizionale produzione, i sistemi di pannelli acustici realizzati con la tecnologia brevettata Snowsound®. Sintetizzano elevate prestazioni tecniche, funzionalità e design interpretato, tra gli altri, da Michele De Lucchi, Alberto e Francesco Meda, Marc Sadler, Lorenzo Palmeri, Philippe Nigro, Lorenzo Damiani.

flap pannelli fonoassorbenti ristorante - riganelli

La tecnologia Snowsound® consente di ottenere una correzione acustica in modo semplice e rapido, sia in nuovi ambienti che in quelli esistenti. L’esigenza di vivere e lavorare in ambienti meno rumorosi, riducendo il fastidioso riverbero acustico, trova finalmente una risposta in un prodotto innovativo adatto a risolvere svariate esigenze: un prodotto quindi particolarmente indicato per i luoghi pubblici tra cui mense e ristoranti.

fonte: Office Bit Giugno 2015

Se siete interessati a migliorare l’acustica dei vostri ambienti chiedeteci maggiori informazioni, saremmo lieti di illustrarvi la tecnologia Snowsound con la possibilità di provare sul posto l’efficacia dei nostri pannelli.

 

Comfort Acustico

Il comfort acustico fa parte della più generale condizione di comfort ambientale che è la particolare condizione di benessere dovuta a temperatura, umidità dell’aria, livello di rumorosità e luminosità rilevati, in funzione delle percezioni sensoriali di un individuo inserito in quell’ambiente

Si parla di: benessere acustico, benessere luminoso, benessere termo-igrometrico.

Il comfort ambientale di un luogo coincide con il benessere psicofisico delle persone che vivono in quel luogo (casa, ufficio, fabbrica). Dipende da condizioni ambientali in gran parte pianificabili e di cui il progettista deve tener conto.

I progettisti di green building pongono particolare cura nella realizzazione del massimo comfort ambientale, sia in fase di progettazione che di realizzazione.

Per quanto riguarda l’esposizione al rumore è stato riscontrato che provoca disturbo psicologico e ostacola lo svolgimento delle normali attività di un essere umano. In particolare riduce il rendimento e la capacità di concentrazione e che può avere effetti nocivi sulla salute, sia fisica che psichica, degli uomini.

Dal punto di vista fisico può provocare danni all’udito, senso di vertigine, di stordimento ed emicranie, disturbi all’apparato cardiocircolatorio e a quello digerente. Dal punto di vista psicologico provoca irritabilità, stati di angoscia, difficoltà di concentrazione, difficoltà di apprendimento.

Il benessere acustico risulta quindi essere quella condizione in cui un soggetto non sia disturbato nella sua attività dalla presenza di altri suoni. Ed ancora, non subisca danni all’apparato uditivo provocati da una esposizione più o meno prolungata a fonti di rumore.

Utilizziamo  molti sistemi  per migliorare l’acustica negli uffici, negozi, spazi comuni, ecc…, interpellateci per un preventivo, riusciremo a rendere il vostro lavoro più confortevole!

Il comfort acustico by Caimi Brevetti

Il nuovo sistema di pannelli fonoassorbenti Mitesco di Caimi Brevetti offre una soluzione ineguagliabile per ottenere comfort acustico a costi contenuti. Massima flessibilità di applicazione e design elegante e minimale di Michele De Lucchi.

La qualità acustica riveste un ruolo importante nella percezione generale del benessere ambientale.

In particolare negli ambienti collettiviuffici, ristoranti, sale conferenze e congressi – dove il discomfort acustico si traduce in malessere generale, stress e diminuzione della produttività.

La tecnologia Snowsound.

L’innovativa tecnologia brevettata Snowsound è caratterizzata dalla densità variabile del pannello fonoassorbente. Essa permette di ottenere un assorbimento selettivo alle diverse frequenze e quindi di ottimizzare l’acustica pur mantenendo uno spessore molto contenuto.

Ognuna delle diverse densità consente di assorbire il suono in modo differente e bilanciato aumentandone quindi la definizione. Il risultato finale è un pannello che:

– assorbe bene le basse frequenze ed ottimamente le medie frequenze, tipiche della voce umana;

– non ostacola eccessivamente le alte frequenze che, per loro natura decadono facilmente.

Il concept raccontato da Michele De Lucchi

“Non trattiamo più l’ambiente in base ai suoi connotati formali e di colore ma in base a elementi più raffinati, cioè elementi sensoriali. Il suono è tra questi forse l’ultimo arrivato, ma è sicuramente uno dei più importanti, soprattutto se si pensa che i danni all’udito sono a oggi irreparabili. Scienziati ed esperti del settore si aspettano che l’argomento divenga sempre più di attualità e che il comfort acustico diventi una richiesta irrinunciabile da parte di tutti. La questione dell’acustica è molto complessa e per risolverla c’è bisogno di soluzioni estremamente semplici e non invasive.
Il progetto sviluppato con Caimi è un pannello acustico che ha la dote di essere realizzato in un unico materiale, il poliestere, che alle ottime qualità di assorbimento aggiunge il fatto di essere completamente riciclabile, non avendo inclusioni di altri materiali. Il prodotto è leggero, colorato e sufficientemente “basic” da essere utilizzato anche per personalizzare l’ambiente.”

Michele De Lucchi

Fonte: Il Sole 24 Ore – US N.1 2012 del 07/05/2012

Scarica il pdf

Riganelli, punto di riferimento Caimi nelle Marche, vi invita a scoprire le collezioni nel proprio punto vendita.